Tommaso Cascella

Tommaso Cascella nasce a Roma nel 1951 dalla pittrice Annamaria Cesarini Sforza e dallo scultore Pietro.
Attualmente vive e lavora tra Bomarzo e Roma.

La pittura e la scultura sono per lui linguaggi naturali, frutto di un’eredità plurigenerazionale. La sua pittura è incline a una trasposizione tridimensionale, in simbiosi con la sua scultura in bronzo. 

Le intense composizioni cromatiche di Cascella sono vere e proprie architetture costellate di simboli, quasi un alfabeto alchemico carico di significati universali. Pittura e scultura vengono trattate con la volontà di contaminare la vista con il tatto, la superficie liscia del colore con una stratificazione di gesti e segni, il piano ideale della pittura con vistosi inserti materici. I titoli delle opere sono spesso presi in prestito da poesia e letteratura, a testimoniare una profonda passione per i libri – Cascella si è infatti anche occupato di una casa editrice e di una stamperia d’arte, in stretta collaborazione con artisti e poeti.

Ad oggi, Tommaso Cascella, ha esposto con centoventi mostre personali.

tommasocascella

Serigrafia

Anche se proveniente dall’antica Cina il nome deriva dal latino “sericum”, che significa seta e dal greco “graphos”, che vuol dire scrittura. Infatti la serigrafia è una tecnica di stampa artistica mediante l’uso di un tessuto, che nel passato era appunto la seta, sostituita successivamente dal poliestere o nylon. Il procedimento consiste nel far passare la vernice attraverso le maglie del tessuto teso su un cliché o quadro di stampa, ossia un telaio di ferro, pressandolo con la racla (lamina di gomma). 

Una parte di questo tessuto viene, invece, otturata con dei procedimenti fotomeccanici, in modo da lasciare libere solo le superfici in corrispondenza dell’immagine da stampare. Questo tipo di stampa artigianale può necessitare fino a cinquanta passaggi di colore diversi. L’originalità delle serigrafie consiste nel fatto che vengono eseguite dietro un preciso progetto dell’artista, che ne stabilisce la tiratura, ovvero un numero limitato di copie. Alla fine di tutto il processo di stampa i telai vengono distrutti. 

La serigrafia permette di stampare su innumerevoli tipi di materiale dal cuoio al legno, dalla plastica alla gomma, dalla carta al tessuto, e per questo è oggi largamente diffusa anche a livello industriale.

opere presenti in galleria

Open chat